pena di morteDa http://www.worldcoalition.org

Il 10 ottobre 2017, la 15a Giornata mondiale contro la pena di morte mira a sensibilizzare sulle ragioni per le quali le persone che vivono in povertà sono maggiormente a rischio di essere condannate a morte e esecuzione.

Dagli anni Ottanta, c’è stata una tendenza globale verso l’abolizione della pena di morte, una tendenza che continua fino ad oggi. Secondo Amnesty International, 16 paesi avevano abolito la pena di morte per tutti i reati nel 1977. Oggi i due terzi di tutti i Paesi (141) sono ormai abolizionisti in diritto o in pratica.

 Tuttavia, l’applicazione della pena di morte è inevitabilmente legata alla povertà. Le diseguaglianze sociali ed economiche influiscono sull’accesso alla giustizia per coloro che sono condannati a morte per diversi motivi: i difensori potrebbero non avere risorse (potere sociale ed economico, ma anche politico) per difendersi e in alcuni casi essere discriminati a causa del loro status sociale.