Sei creativi italiani in collaborazione con i ricercatori del settore energetico della Rse (Ricerca sul Sistema Energetico), uniti nel progetto Smart Design for Smart Cities (SD4SC) presentato alla fiera Innovation Cloud hanno immaginato le nostre città nel 2050: campanili hi-tech per la ricarica dei veicoli elettrici, tapis roulant per la mobilità dei pedoni, grandi schermi olografici interattivi, un manto stradale trasparente per illuminare il sottosuolo in cui confinare il traffico. Questo il volto nuovo delle città intellegenti tra una manciata di anni.
I sei scenari ritraggono città sempre connesse e funzionali, grazie a tecnologie amiche dell’ambiente. “Gli edifici sono connessi fra loro con veri e propri plug-in architettonici, i monumenti e le architetture diventano funzionali, lo stesso arredo urbano viene usato per l’accumulo di energia e la connessione dati”, afferma l’architetto Romolo Stanco, direttore creativo del progetto SD4SC. 
”La città è pensata come estremamente adattiva e flessibile – aggiunge – in modo da rispondere al cambiamento delle nostre esigenze, della tecnologie ma anche del clima e dell’ambiente. 

Si potranno progettare vere e proprie città del vento, del sole e dell’acqua capaci di rispondere anche alle catastrofi naturali”.

Per saperne di più visitare il link
http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/energia/2013/05/09/Energia-pulita-design-ecco-citta-2050_8680644.html